Archivi Mensili: ottobre 2014

Ttip – La dittatura del profitto

  Con la “liberalizzazione” si va sempre sul sicuro. E’ una parolina gradevole, che socchiude alla speranza scenari densi di opportunità pure se non si appartiene alla cerchia dei più scafati. Difatti da qualche tempo l’informazione di regime ha cominciato ad applicare il magico sostantivo al Ttip, il trattato che si cerca di introdurre nella …

Continua a leggere

Colpo alla nuca

Il fatto stesso che i contenuti del TTIP vengano caparbiamente occultati al pubblico e perfino agli organi istituzionali dei vari paesi, ci rivela già qualcosa di questo trattato, il cui perfezionamento e rapida applicazione sono fortemente pretesi dalla cupola finanziaria americana. Non certo i dettagli e quasi nulla delle conseguenze pratiche che potrebbero riversarsi sulla …

Continua a leggere

Il timoniere del nulla

C’è da dubitare che un personaggio come Renzi sarebbe riuscito ad arrampicarsi fino a palazzo Chigi senza la spintarella dell’anagrafe. La giovane età è sempre una buona arma nelle mani di qualunque arrivista politico; fa rima con rinnovamento, originalità, pulizia, talvolta addirittura genialità poiché si presume che se arrivi fin lassù così in fretta devi …

Continua a leggere

Sconfitte parallele

Pare che a Kiev i nazisti del Settore Destro siano in rotta con i loro camerati della giunta di governo e forse si stiano preparando ad atti di forza per restare a galla nell’instabile scenario locale. Messi un po’ da parte in quanto impresentabili, dopo che la finanza internazionale se n’è a lungo servita per …

Continua a leggere

Balle! (ora e sempre)

Quando nell’autunno del 1940 i greci bloccarono la nostra aggressione, a quattro giorni dal suo inizio, e ci respinsero all’interno dell’Albania, il mondo si stupì che la nostra millantata potenza militare non riuscisse a vincere la resistenza di un popolo povero e male armato. Il regime fascista non seppe come giustificare la debacle di fronte …

Continua a leggere

Strage di diritti

Alcuni ricorderanno che i pesanti interventi del governo Monti sull’articolo 18 erano gentilmente conditi con la promessa che ciò avrebbe aperto la porta agli investimenti e favorito il circolo virtuoso anche in termini occupazionali. E se qualcuno osava dubitare delle parole di un ex funzionario della Goldman Sachs entrato a palazzo Chigi secondo principi che …

Continua a leggere

Svastiche su Hollywood

Pare che la Nato stia preparando una divisione speciale di “pronto intervento” da impiegare nell’Ucraina orientale e in particolare, a quanto si capisce, nel settore di Mariupol. La dichiarazione somiglia molto ad una promessa renziana, una sorta di banconota da ottanta euri sventolata davanti alle milizie ucraine sconfitte e attualmente in rotta, quando non addirittura …

Continua a leggere