Quel sentiment tra noi

Gli addetti ai sondaggi, quelli che assegnano valore epocale a variazioni dello 0,5% dopo aver intervistato sì e no trecento persone su sessanta milioni, sembrano aver trovato un nuovo termine con cui baloccarsi: è il “sentiment”, alla cui traduzione si può arrivare anche aggiungendo una vocale e che, come è intuibile, si riferisce allo stato d’animo, alla tendenza, propensione, inclinazione, disposizione, orientamento etc.
Ma essendo termini questi presenti nel dizionario italiano, sono inadatti per questi provinciali da tastiera che vanno in brodo di giuggiole quando trovano un anglicismo da aggiungere alla pletora di termini già importati senza motivo.
D’altra parte i nani hanno in ogni epoca i loro trampoli; dal gusto di spruzzare locuzioni latine qua e là nel discorso si è arrivati alla ricerca di vocaboli anglosassoni ancora inediti di qua dell’arco alpino, che resta comunque il confine naturale di arretratezze senza tempo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: