Archivi Mensili: febbraio 2019

La fuga

Dopo Zaia, Fontana e Bonaccini, ora anche DeMagistris rivendica il posto da caudillo nella sua roccaforte regionale o addirittura comunale. La fuga nell’autonomia è l’estrema pagliacciata di un paese allo sfascio. E sarà anche la “secessione dei ricchi”, come dicono alcuni, ma di sicuro è il trionfo dei coglioni. Annunci

Continua a leggere

Promesse facili

I pentastellati hanno vinto le elezioni promettendo di distribuire quattrini, il che è ben difficile se poi si accetta di restare nella gabbia nazi-europea. Così difficile che adesso tutti quanti hanno capito che verrà distribuita poca roba, a poche persone e per giunta a condizioni proibitive. I leghisti sono stati più accorti perchè hanno promesso …

Continua a leggere

A lezione da von Clausewitz

Alle elezioni regionali abruzzesi non partecipa nessun partito della sinistra d’alternativa: ci sono i centrosinistri, i centrodestri, i pentastellati e i fascisti. Praticamente è un po’ come votare in Ucraina. Ancora una volta esemplare la strategia di Rifondazione, che avrebbe potuto benissimo puntare alla soglia di sbarramento del 4% quasi da sola (contando che alle …

Continua a leggere

Disguidi postali

Il Di Maio scrive una lettera aperta al direttore di Le Monde spiegando i motivi che l’hanno spinto ad intrattenersi con i rappresentanti dei gilet gialli. Apre e chiude la missiva la sottolineatura della storica amicizia tra i due popoli e i due governi, con un toccante riferimento alla “millenaria tradizione democratica” francese, che scopriamo …

Continua a leggere

Dagli amici mi guardi Iddio

Guaidò è un perfetto signor nessuno, improvvisamente inserito nel ruolo di presidente farlocco senza nemmeno essere passato dalle urne e con un passato politico assai modesto. Trovo strano che le oligarchie economiche abbiano deciso di cucire una simile faccia sulle loro bandiere golpiste, invece di utilizzare altri che nel paese sono sempre stati più conosciuti …

Continua a leggere