Archivi della categoria: Ommini e bestie

La fuga

Dopo Zaia, Fontana e Bonaccini, ora anche DeMagistris rivendica il posto da caudillo nella sua roccaforte regionale o addirittura comunale. La fuga nell’autonomia è l’estrema pagliacciata di un paese allo sfascio. E sarà anche la “secessione dei ricchi”, come dicono alcuni, ma di sicuro è il trionfo dei coglioni. Annunci

Continua a leggere

Promesse facili

I pentastellati hanno vinto le elezioni promettendo di distribuire quattrini, il che è ben difficile se poi si accetta di restare nella gabbia nazi-europea. Così difficile che adesso tutti quanti hanno capito che verrà distribuita poca roba, a poche persone e per giunta a condizioni proibitive. I leghisti sono stati più accorti perchè hanno promesso …

Continua a leggere

Quel sentiment tra noi

Gli addetti ai sondaggi, quelli che assegnano valore epocale a variazioni dello 0,5% dopo aver intervistato sì e no trecento persone su sessanta milioni, sembrano aver trovato un nuovo termine con cui baloccarsi: è il “sentiment”, alla cui traduzione si può arrivare anche aggiungendo una vocale e che, come è intuibile, si riferisce allo stato …

Continua a leggere

Scivolar tra vacanti leggi

Abbiamo una legge che stabilisce la cessazione della propaganda elettorale durante il giorno delle elezioni e in quello immediatamente precedente. Risale al 1956 e nonostante sia stata ritoccata alcune volte, in questi anni nessuno ha pensato di aggiornare la normativa riguardo all’uso del web, che sta diventando il maggior veicolo di propaganda politica. Cosicchè anche …

Continua a leggere

Niente da festeggiare

Tutti pronti a scendere in piazza con bandiere, sorrisi e spumante per festeggiare la dipartita del ducetto venuto dall’Arno? Non accadrà domani né dopodomani e tuttavia i giorni che gli restano sembrano essere molti meno di quanto prevedono le scadenze istituzionali. Duemiladiciotto? Ma nemmeno per sogno. Forse il diciassette oppure perchè no addirittura quest’anno. Magari …

Continua a leggere

Gelide sabbie di Hollywood

Se si vuole cogliere il senso esatto del termine “americanata”, si vada a vedere “Sopravvissuto – the martian” di Ridley Scott (quello di Alien e Blade Runner, che al tempo furono ben altra cosa), dove il protagonista Matt Damon è qui chiamato a vestire i panni del naufrago spaziale, creduto morto e abbandonato sul pianeta …

Continua a leggere

Perugia, Toscana

(una storia, ahinoi, vera) Il lavoro consiste nel preparare gli ordinativi della clientela prelevando la merce nel magazzino, quindi inscatolarla e porla sulle varie pedane, secondo la destinazione prevista. Principalmente si tratta di generi alimentari destinati a centri commerciali e negozi che trattano prodotti biologici e derivati dalla soia. Si lavora tutti imbacuccati in una …

Continua a leggere

Il timoniere del nulla

C’è da dubitare che un personaggio come Renzi sarebbe riuscito ad arrampicarsi fino a palazzo Chigi senza la spintarella dell’anagrafe. La giovane età è sempre una buona arma nelle mani di qualunque arrivista politico; fa rima con rinnovamento, originalità, pulizia, talvolta addirittura genialità poiché si presume che se arrivi fin lassù così in fretta devi …

Continua a leggere

Rotolo 2 veli, morbida, quasi 1000 strappi

Sconsiglio vivamente la lettura del romanzo “L’inverno del mondo” di Ken Follett. Si tratta a mio avviso di una solenne mattonata che sfiora il migliaio di pagine, scritta in modo estremamente banale, con personaggi standardizzati che nonostante l’evidente fatica dell’autore non riescono ad acquisire alcuno spessore. Episodi di sesso sparsi qua e là tra le …

Continua a leggere

Figuracce mondiali

Non so perchè tutti se la prendono solo con Balotelli, o più con Balotelli che con altri, ma forse non occorre una grande immaginazione per scoprirlo. In fondo si tratta solo di un ventiduesimo dell’allegra comitiva scalciante cui abbiamo pagato il biglietto aereo per il Brasile e non si capisce che male possa fare lui …

Continua a leggere