Archivi della categoria: Società

Museruola permanente

Siamo scesi a cinque decessi quotidiani, uno ogni dodici milioni di abitanti, praticamente la metà di quelli che muoiono ogni giorno per incidenti stradali.Ora per festeggiare, il parlamento si riunisce per votare la proroga dello stato d’emergenza fino al 31 ottobre, provvedimento che anche il giurista Cassese giudica “illegittimo e inopportuno”.O almeno, questo è l’intendimento …

Continua a leggere

All’ombra del Covid

Per mesi l’intera cittadinanza, anche nelle Regioni in cui il covid ha avuto un impatto irrilevante, è stata posta agli arresti domiciliari, privata del diritto di uscire di casa se non per andare a spendere i propri soldi nelle immediate vicinanze, oppure per recarsi a lavorare in condizioni che spesso costituivano una violazione delle norme …

Continua a leggere

Aiuto, i droplet!

Ed ecco a voi (un applauso!) il droplet, perché il bonario termine “gocciolina” è inadatto al livello di angoscia che serve per tenerci al guinzaglio, con tanto di museruola usa&getta. In inglese invece l’effetto è assicurato.Va da sé che l’orripilante droplet può uscire dalla bocca o dal naso del motociclista, arrampicarsi fuori dal suo casco, …

Continua a leggere

Buon 4 maggio!

Da domani non si sa bene che cosa si potrà o non si potrà fare. In rete circola di tutto, false autocertificazioni, chiarimenti errati ma forse no, dichiarazioni e interpretazioni di sindaci più o meno in linea con ciò che credono di aver capito dell’ultimo decreto del Conte. Per non dire delle disposizioni che variano …

Continua a leggere

Dubbi obbligati

Nonostante ormai da giorni la gente chieda di conoscere i confini tra chi è o non è un congiunto, nonostante non si sappia a che serve l’autocertificazione dato che potrei avere un congiunto in ogni luogo, nonostante non si capisca perché posso attraversare la Regione ma non comprare le sigarette fuori dal mio Comune, nonostante …

Continua a leggere

Niente di nuovo

La scrittura geroglifica egizia combinava elementi ideografici, fonetici e determinativi in un insieme che ai nostri occhi appare quasi come un rebus. Alcuni simboli indicavano ciò che era raffigurato, ad esempio si poteva disegnare la testa di un bue per dire proprio bue. Altri caratteri venivano invece usati per costruire la parola in base a …

Continua a leggere

Si è liberato un posto al sole

E’ venuto il momento di parlare di cose serie. Qui ci troviamo in una situazione in cui il signor Davide Devenuto, da vent’anni meglio conosciuto come Andrea Pergolesi, abbandonerà forse per sempre il cast della soap “Un posto al sole” (Upas per gli amatori). Non so se mi spiego. Andrea lì dentro era forse l’unico …

Continua a leggere

Pesce diversamente fresco

I pescivendoli come Santori sanno che le sardine non hanno abbastanza omogeneità di opinioni su alcuna questione e che pertanto qualsiasi dichiarazione a favore o contro qualcosa comporta il rischio di fratture interne. Ecco perchè egli afferma di non avere un’idea precisa sull’Ilva di Taranto e sui suoi morti ammazzati, né opinioni e ancor meno …

Continua a leggere

Specchi

Nelle elezioni regionali, i lucani hanno saputo rispecchiare alla perfezione la coscienza e la sensibilità dell’intero popolo italiano: il più votato è un pregiudicato.

Continua a leggere

Visibilità gratuita

Io credo che Salvini sia consapevole che se posta una foto in cui mangia un cannolo, o un’arancina, o la nutella, o sgrana il rosario etc, a migliaia si precipiteranno a commentare e soprattutto a moltiplicare la sua foto per mille, cosicché avrà ottenuto senza sforzo l’obiettivo di far arrivare quotidianamente la sua faccia in …

Continua a leggere